Wetterstrand - cose da fare con l'ipnosi

3
53

Wetterstrand O. G. era un medico svedese, che dopo un iniziale scetticismo, si convinse delle potenzialità dell'ipnosi come strumento medico, valido supporto per la riduzione o la soppressione dei sintomi, soprattutto quelli di origine nervosa. Utilizzò l'ipnosi per molte patologie, e riletto dopo più di un secolo, colpisce ancora per l'acutezza della sua analisi e delle sue intuizioni, alcune delle quali sono senz'altro avanti rispetto ai tempi in cui lui le formulò, e sono oggi patrimonio condiviso delle conoscenze in ipnosi.

Pur non diventando famoso come altri colleghi del suo periodo, fu conosciuto e stimato, anche perché scrisse ottimi testi sull'ipnosi  medica che furono tradotti in diverse lingue. Quello che presento in questo articolo è tratto da "L'hypnotisme et ses applications à la médicine pratique" (O. Doin Paris 1899), l'edizione francese di un testo che era stato tradotto due anni prima in inglese per l'edizione americana.

Il testo è estremamente attuale e interessante, perché mostra in maniera chiara e documentata quali possono essere i trattamenti che è possibile fare con l'ipnosi, quali sintomi possono essere migliorati, quali possono scomparire del tutto. Dai tempi di Wetterstrand ad oggi non è cambiato poi molto, anche se sono state formulate nuove tecniche ipnotiche, e i trattamenti da lui indicati sono ancora oggi realizzabili con gli stessi esiti.

Wetterstrand ha uno stile di scrittura chiaro e conciso, non gli interessano i fronzoli, ma mira al sodo: i suoi commenti sono limitati e stringenti, e molta parte del testo è dedicata alla descrizione dei casi trattati. Non fa proclami né sostiene che l'ipnosi sia la panacea a tutti i mali del mondo. Al contrario, la sua ipnosi è estremamente pratica, legata al contesto clinico in cui opera, non al servizio di qualche strampalata teoria della mente. A lui interessa il malato e la soluzione dei suoi problemi. Le statistiche di guarigione o sollievo dai sintomi che riporta sono attendibili, i casi ben descritti, le tecniche e le metodologie ancora attuali. Infatti Wetterstrand utilizza l'ipnosi  in un modo sorprendentemente moderno, come è sottolineato nei commenti ai casi riportati nel presente articolo, e i suoi scritti e le sue osservazioni ci dimostrano che il lavoro svolto sul campo è la migliore testimonianza dell'efficacia dell'ipnosi.

Insonnia

"L'esperienza conferma quello che si sarebbe potuto supporre: sapere che il sonno appartiene a quei fenomeni psicologici sui quali la psicoterapia esercita una influenza marcata.
Credo fermamente che non ci sia rimedio migliore per l'insonnia dell'ipnosi, e che è assolutamente sconsigliabile somministrare dei narcotici, perché rinforzano presso i malati l'idea che non si potrà addormentare senza il loro farmaco abituale. ... Grazie alla suggestione ipnotica, la persona che soffre di insonnia impara a controllare così bene il suo sonno, che gli è possibile dormire quando lo desidera ... La mia esperienza mi ha dato la convinzione che possediamo con la terapia suggestiva ... uno dei migliori metodi di trattamento contro l'insonnia da cause psichiche, e penso che nessun altro metodo potrà essergli contrapposto."

Per quanto non voglia mettermi a confronto con Wetterstrand, io stesso ho rilevato nella pratica corrente miglioramenti nel sonno indipendentemente dal tipo di trattamento effettuato.

Cefalea

Chi soffre di mal di testa crede che nessun altro dolore, per quanto forte, intenso e continuo sia, gli possa essere paragonato.

Ci sono persone che passano giorni interi stesi a letto incapaci di fare altro. La vita per loro diventa impossibile quando la cefalea si manifesta.

La causa del dolore non può in nessun modo essere allontanata, come si fa ad esempio per il mal di denti: tolto il dente, eliminato il dolore.

"Ho trattato in grande numero di casi (di cefalea) con l'ipnotismo, e generalmente il risultato è favorevole"

Nevralgie

"Le nevralgie che si presentano durante o dopo un attacco di Herpes Zoster, devono essere classificate tra le nevralgie più gravi ... Nel caso seguente, guarito ugualmente per suggestione ipnotica, la nevralgia proveniva da un dente cariato  ... nel caso seguente, si trattava di Nevralgia Occipitale; la guarigione fu immediata ... Il caso seguente è un caso di nevralgia intercostale, che sparì rapidamente con l'aiuto della suggestione ... "

Sotto il capitolo nevralgie sono riportati molti casi interessanti, quello che offre maggiori spunti di riflessione riguarda Hedwig H., una ventenne, trattata nel 1889 per dei dolori alla tempia destra.  E' un caso difficile. Wetterstrand tenta di ipnotizzarlo sei volte, senza successo. Alla fine si mette d’accordo con la sorella del giovane: "La pregai di mettersi in contatto con lui durante il sonno".

La sorella chiede alla giovane di addormentarsi quando Wetterstrand l'avesse guardato fissamente negli occhi.

L'ipnosi può così cominciare, Wetterstrand fa in modo che la giovane si addormenti ogni volta che arriva il dolore, supponendo che in questo modo il dolore sarebbe sparito gradualmente. Il sistema non funziona e Wetterstrand a questo punto si rende conto di non essere efficace e cambia strategia. Con una intuizione che precede di molti anni quelle di Erickson sul trattamento del dolore scrive: "Pensando che avendo suggerito così soventemente l'assenza del dolore AVESSI CHIESTO TROPPO, mi limitai a partire da questo momento a suggerire che il dolore durasse cinque minuti in meno ciascun giorno. Nel giro di quattro settimane , ebbi la soddisfazione di vedere la malata completamente ristabilita."

Quest'ultima, può essere considerata a tutti gli effetti un tecnica di distorsione temporale, che consiste nel far percepire il tempo in maniera differente durante le crisi di cefalea, facendole durare, per esempio, solo un istante. Questo tipo di tecniche sarà impiegato estensivamente da Erickson. Un altro aspetto della tecnica utilizzata da Wetterstrand che sembra molto moderno, è che una volta capito che la soppressione del sintomo era difficile o impossibile, si preoccupa semplicemente di ridurlo, in maniera progressiva. Mi rifaccio sempre ad Erickson, che nel trattamento del dolore era solito ridurre i sintomi, fino a renderli solo poco fastidiosi, piuttosto che eliminarli in maniera diretta.

Paralisi Organiche

"Non ho intenzione di esporre una teoria su questo soggetto, ma mostrerò, con degli esempi, che spesso, tramite il trattamento ipnotico, si possono migliorare gli stati di paralisi a seguito di una emorragia cerebrale. ... Ho visto casi in cui l'emiplegia poteva essere migliorata, e altri casi in cui non si poteva ottenere niente ... Ho visto dei grandi miglioramenti nei casi di paresi infantile, dopo degli attacchi di poliomelite acuta."

Epilessia e convulsioni epilettiformi

Ho trattato con la suggestione diciotto casi di epilessia. Tra questi casi, c'è stato quello di due ragazze che soffrivano di questa malattia da cinque o sei anni. Il trattamento le ha guarite e sono trascorsi quasi due anni senza che abbiano avuto la minima crisi. Un uomo di trent'anni, che soffriva di epilessia da otto anni, non ebbe che due attacchi leggeri nel 1889. ... Ho molti casi simili nei quali, dopo qualche applicazione di terapia ipno-suggestiva, gli attacchi sono completamente spariti, mentre il bromuro di potassio e altri rimedi erano stati impiegati senza effetto per anni. Credo che sarebbe meglio impiegare la terapia suggestiva il prima possibile dopo il primo attacco; non bisogna lasciarsi scoraggiare , ma continuare finché non sia ristabilito l'equilibrio del sistema nervoso. Sfortunatamente c'è qualche forma di epilessia ereditaria che la terapeutica psichica non può guarire, e bisogna aggiungere i casi che riportano a una causa organica."

Balbuzie

"... il 2 Aprile 1887, notai con sorpresa che questa signora, che aveva balbettato fin dalla sua infanzia, al punto che le era impossibile qualche volta di pronunciare una parola, non balbettava affatto mentre era nello stato ipnotico. Questa signora era una eccellente sonnambula e in ipnosi poteva conversare con me, su tutti i soggetti nella maniera più semplice.  ... A partire da questo momento mi sono dato con il più grande interesse allo studio di questo problema che si presenta  sovente, e che nel migliore dei casi è sgradevole. ... Dunque di 48 malati trattati, 15 sono stati completamente guariti (18 sono migliorati, portando il totale dei successi a più del 50%  N.d.T.). Sono convinto che i risultati sarebbero stati migliori, se il trattamento fosse stato prolungato, ma il tempo è mancato a causa di altri casi presso cui la mia presenza era più necessaria"

E' vero, spesso si evita di prolungare un trattamento ipnotico, a volte  solo perché, essendo più rapido di altri trattamenti, come quello psicoterapeutico, si pretende che funzioni immediatamente. Purtroppo la fretta di voler risolvere i nostri problemi comporta spesso l'interruzione di un trattamento fin già dalla seconda seduta perché non si sono visti i risultati attesi, mentre se si fosse insistito più a lungo, molto probabilmente, i risultati sarebbero arrivati: a meno che non si tratti di scappare a gambe levate di fronte a un pericolo, la fretta è sempre una cattiva consigliera.

Ambliopia e sordità nervosa

"Braid ha già descritto parecchi casi di ambliopia in cui l'ipnosi ha migliorato la vista. ... Sigrid J., 12 anni.  ... mi consultò a proposito del suo occhio destro ... trovai dello strabismo divergente. Vedeva molto male dall'occhio destro, aveva difficoltà a contarsi le dita e non distingueva chiaramente gli oggetti dalla finestra sulla strada. Poteva leggere assai bene il numero 30 della tavola di Berg, ma provava molte difficoltà a leggere il numero 25. ... La ipnotizzai e le suggerii che a partire da questo momento avrebbe visto più distintamente e meglio. Era una buona sonnambula. Al suo risveglio lesse il numero 10. Venne il giorno seguente e quando se ne andò era capace di leggere il numero cinque e distingueva l'orologio della chiesa, ma non le lancette. ... La sua vista era migliorata ancora, ma non poteva leggere i caratteri tipografici ordinari. Lo strabismo cominciò a diminuire e  questa diminuzione fu provata dal fatto che allora poteva fare uso dell'occhio destro. Il nervo aveva bisogno di una forte ipno-suggestione per recuperare il suo funzionamento. Questa spiegazione può non essere corretta, ma il fatto è che la vista non era migliorata prima della suggestione, e che era migliorata dopo."

Parlando ancora del caso di Sigrid, Wetterstrand riporta il fatto che la poteva ipnotizzare per telefono, e questa è la prima nota che ho trovato relativa all'uso del telefono per le sedute ipnotiche.

Per quanto riguarda l'udito, Wetterstrand scrive: "Ho osservato in tre casi un miglioramento considerevole dell'udito ..."

Alcolismo cronico

Come molti altri autori dopo di lui, i risultati ottenuti da Wetterstrand con l'alcolismo sono variabili: qualche successo molti insuccessi e un'alta frequenza di ricadute.

"I risultati tuttavia, non sono sempre buoni, e ci sono delle ricadute. Le cause sono spesso, se non sempre, dei problemi sociali o finanziari, troppo difficili da sopportare per il malato. Ho conosciuto un uomo di mezza età, che ottenne buoni risultati per un anno intero, dopo soccombette nuovamente, a causa di difficoltà finanziarie."

Morfinismo, cloralismo e nicotinismo

"Ho trattato 14 casi di morfinismo. Due non sono stati coronati da successo, a causa dell'ostinazione dei malati, ma so che undici casi sono stati perfettamente guariti.  ... dopo la mia esperienza, considero difficile influenzare un morfinomane. Ci vogliono molto tempo e pazienza per arrivare a un risultato."

Reumatismi

"Il reumatismo cronico è una malattia che può essere trattata con successo con l'ipnotismo. Braid nota in una delle sue opere, che ha trattato questa malattia con l'ipnotismo con risultati eccellenti. Io stesso ho impiegato questo metodo per i reumatismi cronici, articolari, i dolori lancinanti e la lombaggine. Nella maggior parte dei casi ho ottenuto almeno un sollievo."

Parlando di un paziente H.H., 55 anni, dice : "Lo risvegliai dopo un breve momento di sonno e lo riaddormentai; questa volta il sonno fu più profondo. Lo risvegliai una seconda volta e lo riaddormentai nuovamente, ottenendo il sonnambulismo come risultato. ... Tengo a richiamare l'attenzione soprattutto su questa procedura d'ipnotizzazione. Quando non si riesce la prima volta a portare il malato in un sonno profondo, bisogna ripetere i tentativi più volte, finché l'ipnosi sia completa."

Qui Wetterstrand scopre l'induzione di tipo frazionato, che consiste nel ripetere l'ipnosi più volte consecutivamente. Questo metodo di ipnotizzazione sarà in seguito noto come "Ipnosi frazionata di Vogt". Negli anni 60 questo sistema sarà utilizzato come parte integrante nell'induzione da Elman.

Emorragia

"Non c'è nulla di sorprendente nell'arresto dell'emorragia con l'ipnosi. Vediamo spesso le mestruazioni soppresse a seguito di una forte emozione. Nei due casi l'effetto vasomotorio è lo stesso."

Nel capitolo sulla tisi, che qui non riporto e in cui l'ipnosi è utilizzata come sostegno per la riduzione dei sintomi collaterali della malattia, c'è l'utilizzo di una tecnica che sarà successivamente descritta e utilizzata da Erickson,  e che consiste nell'ipnotizzare un altro soggetto, spesso un parente, in presenza di una persona recalcitrante. Questo ha l'effetto o di ottenere l'ipnosi per via indiretta o di far si che il soggetto poco incline all'ipnosi, verificato che è innocua, accetti lui stesso di farsi ipnotizzare.

Di nuovo rimarco come le tecniche utilizzate alla fine del XIX° secolo, nonostante quanto scrivono i poco informati, erano tutt'altro che rozze, come tutt'altro che ignoranti o sprovveduti erano coloro che le praticavano.

Asma - Tosse Nervosa

"Ho visto degli attacchi d'asma d'origine nervosa sparire completamente e in due casi ho potuto constatare che, fino ad ora perlomeno, gli attacchi non si sono ripresentati in un periodo di due o tre anni. Si può dunque considerare il malato come guarito. ... ho utilizzato l'ipno-suggestione in molti casi di asma sintomatico. Sebbene la guarigione assoluta non sia stata ottenuta, ho tuttavia visto dei casi di bronchite cronica e di enfisema che sono stati molto migliorati da questo trattamento."

Malattie dello stomaco - Diarrea

"Sembra straordinario, ma tuttavia è evidente, che l'ipnosi può guarire diversi disturbi morbosi dello stomaco e dell'intestino. ... Braid e Bernheim dichiarano di aver ottenuto, con i loro trattamenti, risultati simili. ... Le funzioni digestive si riposano più o meno completamente durante il sonno profondo; i movimenti peristaltici sono allora più lenti, e le secrezioni meno abbondanti. ... E' fortemente plausibile che il sonno, da solo, possa guarire la diarrea; mi sembra anche che i fatti sono certi. Ho impiegato in effetti con successo l'ipnosi in caso di questo tipo e, se la malata non è completamente guarita, il suo stato è almeno migliorato. Se la guarigione non è stata completa in questo caso, l'ipnosi è stata tuttavia più efficace di alcun altro metodo impiegato."

Incontinenza Urinaria

"Questa malattia, particolarmente sgradevole, è generalmente considerata difficile da guarire; e, in effetti, non c'è niente di più vero. ... [qui Wetterstrand illustra i metodi correnti per curare l'incontinenza urinaria] ... Questi metodi, e altri ancora, sono sorpassati dalla suggestione che possiede un effetto assolutamente certo; ma bisogna, tuttavia, che sia impiegata con perseveranza e prudenza, e la malattia non deve essere considerata come incurabile, se non si riesce nel termine di qualche seduta. ... Faccio notare che è più facile guarire le persone  vittime di una incontinenza abituale che quelle che soffrono occasionalmente di questa incontinenza, e questo fatto si accorda con le esperienze di Liébeault e Bérillon. I casi di incontinenza abituale non richiedono altrettante sedute. L'incontinenza notturna è più facile da guarire che quella diurna."

Malattie dei bambini

"Si vedono tutti i giorni i bambini che rifiutano di prendere delle medicine, se hanno un gusto cattivo. In questi casi, l'ipnotismo è un metodo eccellente per vincere la loro volontà. Si può dare loro il rimedio, sia durante il sonno, sia affermando che la medicina è buona. Ho provato più volte questo sistema e sono riuscito quando il bambino poteva essere ipnotizzato, vale a dire aveva raggiunto circa tre anni. L'olio di castoro è generalmente una medicina che i bambini rifiutano energicamente, ma niente è più facile persuaderli per suggestione che è buona, anche se sanno che dopo avranno male allo stomaco. ... Ho spesso dato agli adulti, così come ai bambini, dell'acqua al posto dell'olio di castoro, dicendo loro che l'effetto si sarebbe prodotto in un momento determinato. Il risultato è stato sempre lo stesso di quello prodotto dall'assunzione dell'olio di castoro stesso."

Un buon metodo di trattare con i bambini e dell'utilizzo dell'effetto placebo

"[dopo la descrizione di un caso in cui aveva cambiato le abitudini negative di un ragazzo di 14 anni: menzogna, pigrizia, scarso rendimento scolastico, rendendolo : lavoratore, amorevole, e di buona condotta.] ... I nemici dell'utilizzazione morale della terapeutica suggestiva diranno probabilmente che in questo modo ho distrutto la libera volontà dell'individuo. Tuttavia non c'è nulla di tutto questo. Io sviluppai soltanto le buone qualità del ragazzo, e lo persuasi che era su un cammino pericoloso che bisognava abbandonare. Quello che in lui era cattivo fu bloccato, e quello che era buono, come in ogni essere umano, fu sviluppato più apertamente."

Disturbi Mestruali

"Oggi è completamente dimostrato che la mestruazione appartiene alla categoria delle funzioni che possono essere influenzate dalla suggestione. Se non si scoprono cause organiche negli organi, la loro attività mestruale può essere facilmente controllata, quando l'assenza di mestruazioni è prodotta dall'anemia, o quando è troppo abbondante, troppo frequente o troppo dolorosa. ... Ho avuto personalmente l'occasione di osservare questo fenomeno in diversi casi, e sono riuscito spesso a produrre le mestruazioni ad un tempo stabilito, o ad arrestarle quando erano troppo abbondanti o troppo dolorose. ... Sembra che un grado pronunciato di ipnosi non sia necessario per la maggior parte delle persone, per quello che riguarda le mestruazioni. ... Il risultato può essere ottenuto in una sola seduta quando il soggetto è buono. Quando il sonno è leggero, consiglierei di renderlo tuttavia più profondo per mezzo di ipnosi ripetute, in quando aumentano considerevolmente la suggestionabilità. Non si riesce sempre anche con i sonnambuli, e non posso spiegare in alcun modo questo fatto. E' in ogni caso raccomandabile di questo semplice e inoffensivo trattamento prima di provare altri rimedi."

In queste ultime constatazioni di Wetterstrand c'è una contraddizione: prima consiglia di approfondire l'ipnosi, poi sostiene che anche con un soggetto sonnambulico, ossia al massimo grado di ipnosi, spesso non si ottengono effetti. Al giorno d'oggi è un fatto assodato che le risposte ipnotiche non sono necessariamente rapportate al grado di profondità di trance. Un piccolo numero di soggetti ipnotici, insomma, sfugge alla regola profondità di trance uguale suggestione. Il perché è ancora oggi oggetto di discussione, e pertanto l'incapacità di Wetterstrand di spiegarne i motivi è del tutto giustificata.

Malattie Esterne

"Ho potuto constatare e osservare dei fatti riguardanti queste malattie e provare che l'ipno-suggestione trova anche da questo lato un vasto campo di applicazione, soprattutto per quello che riguarda le contusioni, le contratture, le sinoviti traumatiche, etc., dove dominano le sensazioni dolorose. Uno degli elementi più importanti della malattia scompare quando si sopprime il dolore. La funzione disturbata rientra nella norma nel giro di poco tempo, qualche volta anche immediatamente."

Impiego della terapeutica suggestiva in ostetricia

Wetterstrand descrive nei dettagli la preparazioni di Regina A., una giovane di 25 anni, al parto. Tramite approfondimento della trance e suggestioni che " ... durante il parto non avrebbe sofferto e che avrebbe dormito, che il travaglio sarebbe stato molto più rapido e che non avrebbe provato alcuna sofferenza.", Wetterstrand prepara la donna a un parto indolore "Lei fu assolutamente silenziosa quando la testa del bambino apparve alle 4,30; assomigliava sempre a una persona addormentata. Non sentì il pianto del bambino né l'espulsione della placenta." Una volta emersa dall'ipnosi la donna disse di " ... non poter ricordare nulla del parto, assicurando che non aveva provato né sentito nulla dal momento in cui si era addormentata. I dolori seguenti al parto che precedentemente erano stati molto violenti, non si fecero sentire questa volta.".  La donna, che era già madre di cinque figli, mise al mondo un altro bambino in sonnambulismo completo in sole due ore di travaglio il giorno 8 Aprile 1889.

Partorire in ipnosi ha il vantaggio per la madre di non provare assolutamente nessun dolore, e ci sono molti ipnotisti oggi che praticano questa tecnica cominciando dal settimo mese, per dare tempo alla madre di apprendere le tecniche ipnotiche per ottenere una buona anestesia.

Conclusioni

"Se si chiede quali sono le malattie alle quali può essere applicato l'ipnotismo con la massima utilità, la risposta è la seguente: disturbi funzionali del sistema nervoso. ... Un medico arriva raramente a trattare la polmonite, il tifo, i tumori cerebrali in questo modo, ma certi sintomi appartenenti a queste malattie si possono presentare, come ho già detto qui e come ha mostrato Hirt, ed essere trattati con successo con la suggestione. ... Ho impiegato questo trattamento (l'ipnosi) per circa tre anni e mezzo: tra i miei malati, a Stoccolma e in provincia, molti sono stati trattati da tre anni e sono rimasti perfettamente guariti.

E' vero che ci sono delle ricadute, ma non ci sono ugualmente per gli altri metodi impiegati con successo? Se queste ricadute si presentano, sono imputabili piuttosto al carattere della malattia che al trattamento in se.

Perché vediamo delle ricadute nell'ubriachezza? Semplicemente perché i bevitori sono esposti a delle grandi tentazioni. ... Ho impiegato l'ipnosi circa 60.000 volte, e non ho mai visto né sentito che un malato ne abbia sofferto in seguito. ... Chiudo il mio lavoro facendo questo apprezzamento, basato sulla mia esperienza, e su quella di altri medici, che il trattamento ipnotico ha un grande valore in un grande numero di casi, e che spesso è il solo mezzo di ottenere il risultato desiderato: la salute. Questo metodo è basato interamente sul trattamento fisico, e i suoi effetti così facili da osservare provano che il nostro pensiero possiede una grande influenza sul nostro corpo, mentre la volontà, ad un certo grado, è limitata e inattiva. Ecco una cosa che i medici oggi non ammettono affatto volentieri: come dice Bernheim, ci si crede capaci di spiegare tutti i segreti della vita con leggi meccaniche, fisiche e chimiche, senza considerare che lo spirito stesso ha un influenza sull'organismo umano ..."

Il tempo passa, la tecnologia avanza, ma l'essere umano in quanto tale, segue altri ritmi, suoi propri, e assomigliamo più di quanto ci piaccia ammettere ai nostri antenati, per questo motivo ci associamo alle conclusioni di Wettestrand, formulate più di un secolo fa e che, come  il contenuto del libro, sono ancora attuali e applicabili ai giorni nostri.

Bibliografia

  1. Wetterstrand, O.-G. (1899). L'hypnotisme et ses applications à la médecine pratique. Paris: O. Doin.

  2. Wetterstrand, O. G., & Peterson, H. G. (1897). Hypnotism and its application to practical medicine. New York: G.P. Putnam's Sons.