Tecniche di rilassamento - 1

0
43

A partire dall'inizio del XX° secolo, sono state sviluppate numerose tecniche di rilassamento, che hanno tutte come scopo quello di intervenire sul comportamento applicando tecniche corporee.

Molte di queste tecniche derivano più meno esplicitamente dal Trainign Autogeno di Schultz, altre direttamente dall'ipnosi, altre ancora dal Rilassamento Progressivo di Edmund Jacobson, altre da interpretazioni personali del funzionamento del sistema nervoso.

Indipendentemente dalla loro fonte, dall'apparato teorico e dall'orientamento filosofico, l'obiettivo terapeutico finale di queste tecniche, è quello di produrre un rilassamento profondo che si mantiene nel tempo, entra a far parte delle risposte fisiologiche e produce cambiamenti funzionali.

Con l'ipnosi si può raggiungere lo stesso benefico e profondo rilassamento, in un tempo molto breve, ma non tutti vogliono praticare l'ipnosi. Per queste persone i metodi esposti rappresentano una valida alternativa, e poiché la scelta delle tecniche è ampia e diversificata nell'approccio, chiunque può trovare la tecnica adatta.

Questo elenco cerca di essere il più esauriente possibile, ma per sua stessa natura deve essere considerato incompleto.

La conoscenza delle varie discipline di rilassamento, il loro utilizzo, la possibilità di partecipare a corsi, stage o sedute per farne una conoscenza diretta, sono direttamente legate alla diffusione della disciplina al tempo a disposizione e alla disponibilità economica per partecipare ai corsi. Nessuno può seguire tutte le differenti metodologie in dettaglio né applicarle approfonditamente tutte, preferendo lavorare con quelle di cui ha avuto conoscenza diretta, interesse personale, addestramento e risultati, ma può documentarsi abbastanza da riconoscerne i punti di contatto e le differenze.

Nuove scuole nascono ogni giorno. Alcune rimangono limitate ad un ambito locale, altre non riescono a svilupparsi, qualcuna acquisisce diffusione internazionale. Ognuna di queste scuole ha i suoi sostenitori, i suoi discepoli e i convinti assertori della bontà del metodo proposto. La presentazione delle varie discipline negli articoli loro dedicati non esprime giudizi al di là del dato tecnico precedentemente rilevato, che ognuna delle differenti metodologie presentate ha in comune con le altre il rilassamento profondo.

Le tecniche non sono presentate in ordine storico, né in qualunque altro ordine, per cui la loro presenza nei primi o negli ultimi posti della lista non rappresenta un giudizio né sulla loro efficacia né sul loro impianto teorico.

Sofrologia (Sophrologie)

La sofrologia (dal greco sos=serenità, phren=pensiero, logos=discorso,scienza ossia "studio dell'armonia della coscienza") è una tecnica derivata dall'ipnosi nel 1960 da Alfonso Caycedo che la definisce " Una scuola di ricerca della coscienza umana che utilizza differenti metodi che hanno un'influenza su questa, e la modificano a fini terapeutici e di ricerca".

Prende le mosse dall'ipnosi, pur restando in parte distaccata da quest'ultima. La sofrologia raggruppa tecniche di rilassamento riprese dall'ipnosi, dal training autogeno, dalle discipline orientali come lo Yoga,dal rilassamento contemplativo dei monaci buddisti, dallo Zen giapponese. L'utilizzo di queste tecniche, sia attraverso la guida del sofrologo che da soli una volta addestrati, conduce a uno stato di armonia psicofisica, lo stato di coscienza sofronica, che a sua volta produce effetti benefici sull'intero organismo e sulla mente, potenziando le energie creative inespresse dell'uomo.

La sofrologia invita il cliente ad immaginare delle scene in cui si vede coinvolti personalmente, e sente, pensa e agisce in maniera positiva secondo i suoi suggerimenti. Come si vede è una tecnica di rimodellamento non diversa dall'immaginazione guidata e altre tecniche simili utilizzate correntemente in ipnosi.

Anche il principio sofrologico secondo il quale "la cura del sintomo risulta dal processo di neutralizzazione del negativo attraverso il positivo", non sembra molto diverso dalle concezioni di riequilibrio del fluido magnetico suggerite a suo tempo da Mesmer. D'altra parte per la sofrologia il male fisico è il segno di un disagio più profondo, che coinvolge fattori emotivi, psicologici, sociali e relazionali dell'individuo.

La sofrologia non è stata registrata e protetta legalmente al suo apparire, per cui il nome è stato utilizzato da altre scuole, istituzioni e organizzazioni. La sofrologia, come del resto accade per l'ipnosi e altre discipline della mente ha ricevuto nomi differenti, a seconda del diverso approccio filosofico e teorico, tra questi: Nuova Sofrologia, Sofrologia evolutiva, Sofrologia bio-energetica, Sofrologia Transpersonale, etc.

Per proteggere la sua opera da imitazioni il DR. Alfonso Caycedo ha registrato il marchio Caycedian Sophrology, che protegge legalmente i diritti della sua opera.

Desensibilizzazione sistematica di Wolpe

E' un metodo di orientamento cognitivo comportamentale ideato da Wolpe, psichiatra sudafricano, professore di psichiatria alla "Temple University Médical School" di Filadelfia. Il concetto centrale della terapia di Wolpe, è l' "inibizione reciproca" di Sherrington. Quando due stimoli sono in competizione, il più forte tende a inibire progressivamente il più debole, fino alla sua estinzione.

Nella desensibilizzazione sistematica, il rilassamento profondo è utilizzato come stimolo sostitutivo a reazioni di ansia. Il paziente è invitato a confrontarsi gradualmente con la situazione che gli provoca ansia e proprio grazie al rilassamento muscolare profondo, gli è impossibile associare alla situazione ansiogena una risposta di paura. Il rilassamento inibisce quindi la reazione d'ansia.

Rilassamento ad induzione variabile di Sapir

Psicoterapia analitica a mediazione corporea. Nata dall'opera di Sapir, dell'ospedale Rotschild, nel 1954, quando avevano a disposizione su varie patologie, soltanto la cura del sonno, con scarsi risultati. In quell'anno scoprono il metodo di Schultz, ma lo trovano troppo limitato perché estremamente codificato. Partendo dal training autogeno, ne mantengono quasi completamente la sequenza :pesantezza, calore, ritmo cardiaco, ritmo respiratorio, calore del plesso solare. Le formule sono più lunghe, meno codificate e lasciano più spazio all'inventiva del rilassatore e più tempo al paziente. Successivamente, negli anni 60, la tecnica prende il nome attuale.

Michel Sapir nel 1975 crea l'associazione A.R.E.F.F.S.

Il rilassamento a induzione variabile diventa il "Rilassamento Psicoanalitico", che grazie alla formazione psicoanalitica dei praticanti " tiene sempre più in conto le manifestazioni dell'inconscio nell'approccio corporeo che propone".

Rilassamento e Rieducazione Psicotonica di Ajuriaguerra

Ispirato come altri metodi al metodo schultz e alla psicoanalisi, è un metodo di "rilassamento analitico". Il rilassamento favorisce la dimensione relazionale, meglio della verbalizzazione. Inoltre, poiché tutte le nostre emozioni e le nostre tensioni mentali confluiscono e si stabiliscono nel nostro tono muscolare, queste si comportano come resistenze di tipo psicoanalitico, e il lavoro sul corpo permette di liberarsene.

Rilassamento applicato di Öst

Come tutti i metodi di rilassamento, anche questo è basato sull'insegnamento di un metodo di rilassamento che permetta al soggetto di rilassarsi rapidamente, per contrastare ed eventualmente eliminare le reazioni ansiose.

" L'obiettivo è imparare a rilassarsi in 20-30 sec. e usare questa capacità per contrastare ed alla fine eliminare la reazione fisiologica che si sperimenta nelle situazioni fobiche. Per ottenere questo, cominceremo un processo graduale tendendo e rilassando differenti gruppi muscolari. ... Il passo successivo insegna a connettere l'auto-istruzione 'Relax' allo stato di rilassamento fisico. ... Dopo è venuto il momento del rilassamento rapido, che sarà praticato molte volte al giorno in situazioni non stressanti. Alla fine, si apprende l'applicazione di questa capacità alle reazioni fobiche."

La proposta del rilassamento applicato è quindi duplice:

  1. insegnare al paziente a riconoscere i primi sintomi di ansia
  2. imparare a farcela con l'ansia invece di esserne travolti

Per approfondire http://www.cb1.com/~john/misc/relax.html

Regolazione Attiva del Tono Muscolare di Stokvis

Un altro metodo basato sul rilassamento per contrazione e decontrazione di gruppi muscolari. Si prefigge di modificare il tono muscolare, finché non arriva a un livello ottimale, tale da consentire e mantenere un rilassamento generale, sia fisico che psichico.
("Soigner par l'hypnose" Di Gérard Salem, Éric Bonvin Pubblicato da Elsevier Masson, 2007)

MatodoVittoz

Roger Vittoz (1863-1925), uno dei primi medici psicosomatisti formulò i principi di un metodo di lavoro di controllo mentale, esplorazione sensoriale e rilassamento

Lo scopo del Metodo è di ristabilire l’equilibrio dell’attività nervosa e psichica, correggere e ottimizzare il loro funzionamento nei disagi di origine nervosa (rieducazione), prevenirne le disfunzioni nei giovani e fortificare gli adulti (psico-pedagogia).

Il metodo propone una terapia psicosensoria per ristabilire l'equilibrio della persona.

Per saperne di più consulta il sito italiano del metodo Vittoz