Suggestioni nella cura delle malattie

0
63
Suggestion in the cure of diseases and the correction of vices Pitzer, Geo. C. (George Calvin), 1835-1909
Suggestion in the cure of diseases and the correction of vices Pitzer, Geo. C. (George Calvin), 1835-1909

L'impiego del trattamento psicologico, o delle suggestioni nel trattamento delle malattie è un metodo di cura nuovo per molte persone; quindi, quando lo applichiamo in pratica, troviamo frequentemente la necessità di dare ai nostri pazienti qualche spiegazione semplice e soddisfacente riguardo la sua natura, le sue applicazioni, i suoi risultati, ecc..

Nel trattamento delle malattie per mezzo della suggestione, riconosciamo il meraviglioso potere del pensiero nel controllare le funzioni del nostro corpo. Assumiamo che l'influenza mentale eccita, aggravia e prolunga molte malattie; che certe attività mentali sono capaci di produrre cambiamenti chimici e anatomici nei nostri corpi; che pensieri diretti in maniera appropriata portano sempre a una condizione di salute, e che attività mentali distorte portano sempre a malattie organiche o funzionali.

Assumiamo anche che possiamo, dirigendo nella maniera opportuna i pensieri dei pazienti, arrestare il progresso di attività mentali morbose, e che abitudini di pensiero cattive e ostili, possono essere cambiate in modo radicale, e che con questi metodi le naturali condizioni di salute possono essere ripristinate.

"Per mezzo della suggestione, nel trattamento delle malattie, intendiamo la presentazione di idee alla mente del paziente, sotto condizioni e in modo che correggerà ogni tendenza morbosa dei suoi pensieri, dirige i processi vitali nella giusta direzione, e risulta in un completo ripristino delle condizioni di salute di ogni organo e funzione del corpo."

Influenza della mente sul corpo

Sotto ogni circostanza, le funzioni e le condizioni del nostro corpo sono più o meno controllate dall'influenza della mente; nessuno ne dubita, nemmeno per un solo momento. La sola questione sembra essere quanto i nostri corpi possono essere influenzati dalle influenze mentali.

Come assunto in precedenza, sosteniamo che possiamo essere notevolmente disturbati; che possiamo ammalarci, anche fino al punto di morire, attraverso la sola influenza mentale.

Chi non sa chela rabbia arrossa la faccia e blocca la digestione; che la tristezza fa scorrere lacrime dagli occhi; che la vista del sangue causa spesso svenimenti; che lo spavento causa spossatezza fisica, e qualche volta la perdita della vista o dell'udito; che delusioni in amore, o in affari, qualche volta si risolvono in disperazione, infarti e portano a mania suicida; e che portare all'improvviso cattive notizie agli amici occasionalmente produce shocks fatali - morte. Alcuni di questi fatti sono osservazioni comuni, e sebbene li conosciamo, raramente ci fermiamo a considerare la loro vera natura.

Sappiamo, tuttavia, che questi dipendono da disturbi mentali, non sempre sotto il nostro controllo. Questi sono differenti dalle condizioni anormali che risultano da un'attenzione e da aspettative mal direzionate.

Attenzione e aspettativa

Attenzione e aspettativa, processi mentali, sono meravigliosi motori di forze, e il limite della loro influenza sul corpo, per il bene e per il male, è difficile da immaginare.

Wood nota che: "E' un fatto psicologico, che quando il pensiero, per qualunque lunghezza di tempo, è concentrato su una parte del corpo, causa un'accresciuta circolazione in quella direzione, e il risultato è sempre una manifestazione di condizioni anormali del corpo."

I cattivi pensieri avvelenano il corpo

In riferimento al potere del pensiero, la vecchia commissione francese sul magnetismo animale osserva: "L'immaginazione ravviva le funzioni animali o le sospende: si attiva con la speranza o si blocca per la paura; in una sola notte fa diventare bianchi i capelli; in un momento ripristina l'uso delle gambe o della parola; distrugge o sviluppa i germi della malattia; causa perfino la morte."

[...]

I fatti sono che non è stata detta nemmeno la metà delle cose. Si producono effetti, risultano malattie, e si operano cure per mezzo dell'influenza mentale, qualche volta chiamata immaginazione; ma se i capelli diventano bianchi in una notte, per l'immaginazione o altre cause, i fatti sono gli stessi. si nuovo, bisogna ricordarlo, sebbene malattie e cure possono essere effetto dell'immaginazione, le malattie e le cure non sono immaginarie, ma vere malattie e cure reali.

Cattive suggestioni

E' un fatto stabilito che l'attenzione costante, e l'aspettativa di qualche evento o condizione non desiderata, spesso diventano causa di disperazione e paura, che prosciuga la forza vitale del corpo e diventa qualche forma di malattia.

Quando un uomo legge sui disturbi di cuore, o sente qualcuno che ne parla, è pronto a dirigere la sua attenzione sulla parte sinistra. Se è una persona apprensiva, sente battere il cuore più distintamente che mai; lo racconta a un amico; si menzionano le malattie del cuore; l'uomo fissa ancora più intensamente la sua mente sul cuore; può percepire sempre più distintamente il suo battito di ora in ora, e mentre vi fissa sopra la mente, conclude che certamente ha un disturbo di cuore. Lascia gli affari e cerca sollievo in ogni direzione. Alla fine è malato.

[ ... altri esempi dello stesso tenore ...]

Non è proprio sicuro per chiunque studiare le malattie. E' sempre meglio studiare la salute, piuttosto che le malattie. Noi abbiamo insegnato medicina per venticinque anni e spesso, dopo avere descritto minuziosamente certe malattie e dettagliato i loro sintomi più comuni, siamo stati raggiunti nello studio da studenti che lamentavano proprio il disturbo che era stato appena descritto. La rappresentazione mentale di un disturbo fa una grande impressione sulla mente di molte persone. Foto di malattie, presentate sotto titoli a caratteri cubitali nei giornali pubblicitari mandati dai venditori di medicine, e che spesso li vediamo pubblicate sui quotidiani, dovrebbero ricevere la condanna di tutte le brave persone.

[...]

Le persone malate non dovrebbero parlare delle loro condizioni con altre persone, eccetto quando la necessità lo richiede. Se siamo stati malati, ma miglioriamo ogni giorno, allora è bene dirlo; infatti non possiamo dire che questo troppo spesso - miglioro di giorno in giorno. Quando siamo malati, dobbiamo tenerci alla larga da altri malati e da coloro che parlano continuamente delle loro malattie. La vista di persone malate e il suono della loro voce mormorante, è abbastanza per fare ammalare coloro che stanno bene, e certamente far peggiorare coloro che sono già malati.

Suggestione, attenzione e ripetizione

Nel trattamento della malattia con la suggestione, dobbiamo per prima cosa cambiare la direzione all'attenzione del paziente; distoglierla da condizioni sfavorevoli, e volgendola e fissandola sulle condizioni delle cose desiderate. Quindi, quanto prima possibile, dobbiamo convertire le sue miserabili condizioni di paura in una fiduciosa condizione di speranza. Dovremmo cercare di cambiare radicalmente le abitudini di pensiero del paziente, suscitando nuove attività mentali nella sua mente, che dovrebbero eliminare i vecchi pensieri mal direzionati, stabilendone di nuovi, ripristinando quindi una perfetta salute.

Nel somministrare le suggestioni per il sollievo e la cura delle malattie, dovrebbero essere presentate alla mente di ciascun paziente idee idonee; tutto questo dovrebbe essere fatto in condizioni idonee e in modo energico e coscienzioso.

Per imprimere nella mente di ciascun paziente i pensieri principali devono essere ripetuti molte e molte volte. E' la ripetizione che fissa i pensieri nella mente.

Quando alla nostra mente sono presentati incoraggianti pensieri di speranza, più frequentemente che pensieri ostili e depressivi, le condizioni di salute prevarranno sicuramente. E' la ripetizione di suggestioni appropriate, nelle giuste condizioni, che da sollievo al dolore e cura la malattia.

Riguardo alla forza della ripetizione, presentiamo questo esempio: conoscevamo una ragazza in Illinois, che si chiamava Isidore Diadena Desdemona Jane Eula Lillie Crawford Furry. Ora, avete letto questo. Distogliete gli occhi dal libro e ripetetelo senza guardare. Lo potete fare? Perché? No lo avete letto e compreso?

Naturalmente lo avete fatto; ma una sola presentazione, non è sufficiente a fissarlo nella vostra mente. Prestategli attenzione, ripetetelo qualche volta, e lo saprete. Attenzione e ripetizione sono necessarie per fissare i pensieri nella mente.

Si può dire come un fatto positivo, che un'attenzione continua e ripetizioni insistenti ci permettono di raggiungere ogni scopo entro i limiti del possibile.

[...]

Ricordate, attenzione e ripetizione sono la chiave di una suggestione riuscita. Se cominciamo nel modo giusto e perseveriamo, non possiamo fallire - il successo è assicurato.