John Elliotson

0
38
John_Elliotson (1791 – 1868)
John_Elliotson (1791 – 1868)

John Elliotson, uno di più brillanti medici del suo tempo, vide, nel 1837, qualche esperimento mesmerico, e se ne appassionò tanto che cominciò a mesmerizzare i pazienti che aveva in cura all'"University College Hospital".

I suoi studenti, come quelli di altri ospedali, si interessarono e partecipavano in grande numero, ma i suoi colleghi, mentre si vantavano di rifiutare a partecipare alle sue dimostrazioni, lo perseguitavano ignobilmente.

Il rettore lo invitò a desistere, insistendo che si sarebbe dovuto considerare l'interesse della scuola piuttosto che quello della scienza e dell'umanità, e che il rischio di perdere il favore pubblico era più importante della verità dei fatti presunti, o del loro valore nel trattamento delle malattie.

Elliotson replicò "che l'istituzione era stata fondata per la scoperta e la divulgazione della verità; tutte le altre considerazioni erano secondarie, e noi dobbiamo guidare il pubblico, non lui noi. La sola questione era se la materia fosse o meno la verità."

Nel 1838, il concilio dell'"University College" approvò la seguente risoluzione: "Che il Comitato dell'Ospedale è istruito di fare i seguenti passi e che si dovrà ritenere più opportuno prevenire la pratica del mesmerismo all'interno dell'ospedale". Elliotson, essendogli stato ordinato di smetterla di mesmerizzare i suoi pazienti, rassegnò immediatamente le dimissioni, e non mise mai più piede nel Collegio o nell'Ospedale.

Nel 1843, Elliotson e i suoi simpatizzanti cominciarono a pubblicare lo Zoist, un giornale per la diffusione delle informazioni connesse con la fisiologia cerebrale e il mesmerismo. Fu pubblicato ogni quadrimestre a partire dall'Aprile del 1843 fino alla sua cessazione il 31 Dicembre 1855. Chi vi scriveva dichiarò che l'oggetto delle pubblicazioni era stato esaurito, poiché il loro punto di vista era stato reso pubblico per tredici anni. Come risultato della sua influenza, Infermerie Mesmeriche e Istituzioni furono aperti a Londra, Edimburgo, Dublino e altrove. In uno di questi ad Exeter, Mr. Parker, un chirurgo, mesmerizzò 1200 persone ed effettuò 200 operazioni indolori.

Elliotson fu uno scrittore costante dello Zoist, e contribuì con molti casi medici e chirurgici osservati da lui stesso o da altri. Questi comprendevano amputazioni di gambe, braccia, seni, ecc., che erano state effettuate in maniera indolore durante la trance mesmerica in Inghilterra e Scozia, così come nel Continente e in America.

Si supponeva che cure o miglioramenti avessero seguito il trattamento mesmerico in alienazione, epilessia, epilessia isterica, isteria, balbuzie, nevralgia, asma, torcicollo, mal di testa, reumatismo e altre malattie. Elliotson asseriva che il mesmerismo era utile specialmente nell'isteria e altri disturbi nervosi. Queste malattie, diceva, non erano comprese e venivano trattate in maniera inutile o peggiorativa con vesciche, salivazione e sanguinamento. Il matrimonio era suggerito come rimedio alle donne isteriche , con risultati disastrosi, nella presunzione che avesse origini sessuali. Non era, tuttavia, connesso con l'utero, né confinato al sesso femminile, ma accadeva anche in ragazzi e uomini. Il mesmerismo, non il matrimonio, era il trattamento appropriato per l'isteria.

Elliotson scoprì che i bambini erano facili da mesmerizzare e curò o migliorò molte delle loro malattie; allo stesso tempo insistette contro i danni fatti dai trattamenti medici ordinari . Infatti, i bambini sofferenti di disturbi nervosi, peggioravano essendo torturati senza necessità con vesciche, e altri irritanti esterni. Le piccole creature erano molto più sensibili degli adulti, e sentivano molto più dolore per la stessa causa.

[ ... ]

Nonostante abusi e persecuzioni Elliotson continuò ad esercitare il mesmerismo nella sua pratica fino alla morte nel 1868. Egli, tuttavia, non la considerò applicabile universalmente. La suggerì soltanto nei casi in cui la trovava profittevole, e quando, in aggiunta, non esistevano pregiudizi nel suo riguardo.

Bramwell

Note

Elliotson si innamorò del mesmerismo fino al punto di rinunciare alla sua brillante carriera. Non era uno stupido, tutt'altro, inventò lo stetoscopio, tanto per dirne una, e questo gli vale la presenza sui libri di storia della medicina.

Eppure, nei confronti del mesmerismo, la sua mente brillante sembrò vacillare. Fece presenziare il direttore di una importante rivista ad un esperimento di mesmerismo, per illustrarne tutta la potenza. Utilizzava per questi esperimenti due sue pazienti, molto addestrate, che entravano in trance mesmerica quando lui poggiava sul loro corpo un cerchietto di rame. Era convinto che questo potesse trasmettere il magnetismo animale, e mai rinunciò in tutta la sua vita a questa visione del mesmerismo.

Quando il direttore gli chiese di utilizzare un dischetto di altro materiale, che non avrebbe dovuto trasmettere il magnetismo, e si ottennero gli stessi effetti, fu chiaro che il magnetismo non aveva parte in quello che succedeva in quelle sperimentazioni. Nonostante questo fallimento, Elliotson non cambiò opinione e continuò a sperimentare.

Ci rimane a tutt'oggi la figura di un uomo di scienza in cerca della verità, forse sopraffatto dall'immensa passione provata per il suo oggetto di studio. Ma indipendentemente da questo, i successi terapeutici da lui ottenuti, ci devono far riflettere, nella consapevolezza che gli stessi traguardi possiamo raggiungerli oggi stesso, con le stesse metodologie.