Ipnosi memoria e amnesia

0
41

Hypnosis, memory and amnesia.
J. F. Kihlstrom

Department of Psychology, MC 1650, University of California, Berkeley

Soggetti ipnotizzati rispondono alle suggestioni da parte dell'ipnotista per sperimentare l'esperienza delle alterazione della percezione e della memoria. Le differenza individuali di ipnotizzabilità, sono solo debolmente in relazione con altre forme di suggestionabilità. Le speculazioni neuropsicologiche sull'ipnosi si concentrano sull'emisfero destro e/o i lobi frontali. L'amnesia post-ipnotica si riferisce alla difficoltà soggetti a ricordare, dopo l'ipnosi, gli eventi e le esperienze trapelate mentre erano ipnotizzati. L'amnesia post-ipnotica non è un'istanza di una memoria dipendente da uno stato, ma sembra comprendere una distruzione del processo di richiamo simile all'amnesia funzionale osservata nei disordini dissociativi clinici. La memoria implicita, invece, è in gran parte risparmiata, e può essere alla base la capacità soggetti di riconoscere gli eventi che non riesco a ricordare. L'ipermnesia ipnotica, si riferisce a un miglioramento della memoria per eventi passati. Tuttavia, tali miglioramenti sono illusori: suggestioni di ipermnesia aumentano i falsi ricordi, così come la fiducia dei soggetti nei ricordi sia veri che falsi. La regressione ipnotica di età può essere soggettivamente convincente, ma non comporta l'ablazione della memoria degli adulti, o il ripristino delle modalità di funzionamento mentale infantile, o la rivivificazione della memoria. L'uso clinico e forense dell'ipermnesia e della regressione di età per migliorare la memoria nei pazienti, vittime e testimoni (ad esempio, recuperare la memoria per abusi sessuali su minori) dovrebbe essere scoraggiato.