L'ipnoscopio

0
27

La rivista "La science illustrée", il primo semestre 1888, sotto la voce scienza divertente e ricette utili(!), pubblicava il seguente articolo.

Hypnoscope
Hypnoscope

L'ipnoscopio (Hypnoscope). - L'ipnoscopio è un piccolo apparecchio che serve a determinare se una persona è suscettibile all'influenza ipnotica. E' un semplice magnete tubolare (fig. 1) aperto da una fessura longitudinale i cui bordi costituiscono rispettivamente il polo nord e sud dell'apparecchio.

Nella figura 2 il magnete è munito della sua armatura(A) in ferro dolce, che riunisce i due poli al fine di conservare il magnetismo dello strumento a riposo.

Per usarlo, si toglie l'armatura e si introduce il dito indice nel tubo, come mostrato nella figura 3, in modo che i due poli si trovino di nuovo riuniti, dal dito, che rimpiazza l'armatura.

Nel giro di due minuti, si toglie il magnete dal dito della persona sottoposta all'esperimento, e lo si esamina.

Da parte dell'inventore, il dottor Ochorowicz, il 30% delle persone così esaminate, dopo l'esperienza in questione, provano certe sensazioni, oggettive o soggettive; il 20% circa sente delle punture nelle dita, come se delle punte d'ago fossero penetrate nella pelle; per altri, è una semplice sensazione di freddo, di calore o di secchezza.

Si è osservato che un magnete piazzato sotto i piedi dei paralitici li riscalda, mentre un buon fuoco non è riuscito; qualche volta si produce anche un rigonfiamento della pelle, o una sensazione di pesantezza nelle dita, o di attrazione.

Si è anche osservato che delle persone sottoposte al sonno ipnotica, protendevano le dita verso il magnete.

Le esperienze oggettive sono tuttavia più rare e si traducono in movimenti involontari, insensibilità completa o anestesia, la paralisi del dito e la contrazione o la rigidità dei muscoli, fenomeni che spariscono con un leggero massaggio o una semplice frizione della parte colpita.

Le persone sulle quali l'ipnoscopio produce questi effetti oggettivi possono essere ipnotizzate in una sola seduta.