Frigidità e ipnosi

1
44

Frigidità è un termine collegato alla mancata eccitazione della donna durante i rapporti sessuali, e include l'incapacità di produrre una lubrificazione adeguata all'eccitazione sessuale, una adeguata vaso-congestione nelle pelvi e uno scarso rigonfiamento dei genitali esterni.

Quando la condizione non sia causata da condizioni mediche, come il diabete o la vaginite atrofica, si possono tentare differenti approcci per risolvere il problema usando tecniche ipnotiche.

Tempo addietro ho pubblicato una tecnica di autoipnosi nell'articolo "Autoipnosi in mongolfiera", basato sulla tecnica ipnotica detta: "Red ballon tecnique", sviluppata da Walch nel 1976, che è stata utilizzata anche per il trattamento della frigidità, in particolare in tutte quelle situazioni in cui chi soffre della frigidità associa a questa un profondo senso di colpa.

La tecnica è basata su una immaginazione guidata, che permette, a detta del suo ideatore, una ipnocatarsi. Al soggetto è chiesto di mettere in un contenitore tutto quello che riguarda sensi di colpa, conflitti interiori, rabbia mal gestita, e altri pensieri negativi, poi di gonfiare un grosso pallone rosso, di legarlo al contenitore, e di vederlo volare via portandosi appresso il contenitore fino all'orizzonte, dove alla fine sparisce.

Questa semplice traccia può essere arricchita di tutte le varianti che il caso particolare che si sta trattando richiede. L'osservazione delle reazioni del soggetto alle varie fasi dell'immaginazione guidata, servono da traccia per la sessione corrente e insieme alla discussione fatta dopo al seduta, indirizzeranno le sedute successive.

La tecnica di Walch è riportata sul libro "Handbook of Hypnotic Suggestions and Metaphors", (1990) di D. Corydon Hammond, con delle variazioni descritte dallo stesso Hammond, che ritiene tale tecnica di immaginazione simbolica "utile nel ridurre le emozioni problematiche, come la rabbia e il senso di colpa", ma nota anche come sia una tecnica che necessita di persone responsive all'immaginazione sia cinestetica che visuale.

Un altro approccia alla frigidità, basato sempre su tecniche immaginative, è quello di Metcalfe (1988), e come il precedente è basato sull'immaginazione guidata relativa a una palla. In questo caso, tuttavia, la tecnica è maggiormente plastica, perché si basa sulla manipolazione, in ipnosi, di una palla di argilla. Lo scopo della manipolazione è quello di modellare la palla fino a farle assumere le sembianze, l'aspetto, o la rappresentazione visuale che rappresenta la causa del sintomo. La modellazione non è dissimile dalla rappresentazione di una metafora. La metafora è la rappresentazione di un significato attraverso il trasferimento a una figura retorica del linguaggio. Nella modellazione si arriva allo stesso trasferimento di significato e alla stessa rappresentazione metaforica, ma attraverso l'oggettualizzazione di un manufatto.

Modificare l'oggetto modellato, annullarlo, farlo sparire, cambiare una volta per sempre la sua forma, permette al cliente di rimuovere i suoi conflitti interiori, che così non sono più proiettati sul partner. Questo può essere sufficiente a rimuovere la frigidità.

Ancora di più che la tecnica precedente, questa necessita di una soggetto concentrato, dotato di buone capacità immaginative sia cinestetiche che visuali. Quando manca la partecipazione completa del soggetto all'immaginazione proposta, o questi non riesce a visualizzare le scene proposte e a interagire con la realtà immaginaria, è meglio seguire altre strade.

Bibliografia

  1. Metcalfe, J. B. (July 01, 1988). Hypnosis and sex. Stress Medicine, 4, 3, 149-153.

  2. Walch, S. L. (January 01, 1976). The red balloon technique of hypnotherapy: a clinical note. The International Journal of Clinical and Experimental Hypnosis, 24, 1, 10-2.