Fisiognomica ipnosi

0
24

L'ipnosi non è rimasta indifferente alla fisiognomica, che teorizza la capacità di inferire i tratti di personalità di un individuo dalle caratteristiche fisiche che possiede.

Questa unione d'intenti ha lo scopo di comprendere quali sono le caratteristiche che consentono di determinare se una persona è più o meno ipnotizzabile, oppure se non lo è del tutto.

Questo matrimonio d'interesse assolutamente teorico, ha dato nella pratica esiti molto particolari, a volte assurdi, certe altre semplicemente esilaranti. Il ragionamento, oltre che ai singoli individui e a particolari costituzioni fisiche, si è spinto alle popolazioni di appartenenza, per cui di volta in volta, il primo osto della suggestionabilità è stato assegnato ai Russi, piuttosto che ai francesi o agli orientali. I cinesi, secondo quando scrive Tuckey, che riporta l'esperienza di un certo Cory, non si possono ipnotizzare, mentre Tuckey stesso sostiene il contrario.

Ma la ricerca del santo Graal dell'ipnotizzabilità, si è spinto oltre la fisiognomica, per abbracciare in toto anche l'ambiente. Meacham (1898) in un impeto di originalità finora insuperato, sostiene che l'ipnotizzabilità è collegata all'elevazione sul livello del mare: "L'elevazione sul livello del mare della Germania del Sud, comporta un numero si soggetti suggestionabili maggiore che non in quella a livello del Mare del Nord ... Ho notato i migliori tra coloro che abitano in collina o montagna, e tra quelli i cui antenati generarono da lì, che si dimostrano molto più ricettivi alle suggestioni, molto prima che lo riconoscessi come principio. Cerco di fare esibizioni in città collinari, piuttosto che in pianura."

Come nota Rosenfield ("A critica hystory of hypnotism"): "Si dice che l'autore abbia dato la sua migliore esibizione in un villaggio di Sherpa sui pendii del Monte Everest".

A volte, irretiti dalla lineare bellezza del proprio ragionamento, gli uomini di scienza smarriscono il buon senso, e non si preoccupano di considerare se le loro teorie possano anche remotamente avere un barlume di verità. Meacham stesso formula una ulteriore teoria legata alla fisiognomica: "L'idea generale, è che le bionde sono più suggestionabili delle brune ... pelli morbide e capelli soffici sono indicazioni favorevoli (dell'ipnotizzabilità), e non il colore della pelle". Se non altro Meacham non è razzista, e ci dà una ragione del perché gli uomini preferiscono le bionde.

J.D. Caldwell raccomanda i soggetti con la fronte alta, che sono quelli più facilmente ipnotizzabili, al contrario di coloro che hanno la fronte bassa. Altri raccomandano di scegliere individui con labbra sottili, mento sfuggente, occhi poco sporgenti, e così via.

Alla domanda: "Avete modo di determinare le differenze individuali (rispetto alla suggestionabilità) senza che sia necessario effettuare esperimenti?" il professor Seymour risponde con sicurezza: "Si! Possiamo determinare queste differenze attraverso la conoscenza e l'osservanza dello sviluppo Frenologico; le persone più facilmente suggestionabili sono quelle in cui l'organo della continuità - o Concentrazione - è più sviluppato; quindi c'è una pienezza nella parte posteriore della testa, che si mostra in una forma che assomiglia alla parte finale di una noce di cocco."

Altre domande?

La frenologia, a quanto pare, può rispondere a tutto.

Così invece, non sembra per la psicodiagnostica. L'elenco dei test di personalità che hanno fallito nel determinare l'ipnotizzabilità di una persona sono molti: Thematic Apperception Test, Taylor Anxiety Scale, Rorschach, Minnesota Multiple Personality Inventory, California Psychological Inventory, Maudsly Personality Inventory, ecc., come ci informano Kebrdle and Roeder (1986).

Tuttavia la ricerca continua, com'è giusto che sia, nella speranza di trovare una risposta alla ricerca del sacro Graal dell'ipnosi. In attesa di un redivivo Parsifal, meglio considerare le ricerche sul tema con molto granum salis.

Bibliografia

  1. Rosenfeld, S. M. (2008). A critical history of hypnotism: The unauthorized story. Place of publication not identified: Xlibris Corp.