Terapie energetiche

0
43

Nell'ampio e variegato mondo delle terapie alternative, nel quale molti fanno rientrare l'ipnosi, si è delineata da molti anni quella che possiamo chiamare "psicologia enrgetica". Con questo nome vogliamo designare tutte quelle tecniche che hanno come riferimento non tanto, o non solo, i processi psicologici dell'individuo, quanto l'energia, non meglio identificata, che circola nel corpo, e il cui sbilanciamento è causato da emozioni negative e/o malattie. Non è un caso se a qualcuno di voi sembra di sentire Mesmer parlare di scompenso del magnetismo animale. L'idea che ci siano energie più o meno sottili che governano, invisibili e inavverite, la nostra salute non è nuova, ma si rinnova con costanza. L'umanità in generale ha la memoria corta, e non ricorda che sono esistite teorie simili, se non identiche, a quelle professate oggi.

Tra le discipline che si rifanno alla sottile energia del corpo, molte sono quelle che prendono spunto dal sistema energetico dei meridiani, che è stato sviluppato in Cina in tempi pre-scientifici, e che fa parte della disciplina dell'agopuntura. L'idea base di queste discipline è che bilanciando le energie sottili del nostro corpo, si riordina lo scompiglio creato in queste stesse energie da questioni emotive.

Fare paralleli con il magnetismo animale, è fin troppo semplice, anche se il richiamo a discipline orientali come l'agopuntura aggiunge un tocco esotico che al magnetismo di Mesmer mancava, e anche una pretesa di evidenza scientifica, essendo comunque l'agopuntura oggetto di ricerca scientifica.

Indipendentemente da questo, quello che ci piace esaminare in questa sede è l'effettiva capacità di queste tecniche di risolvere le problematiche che pretendono di risolvere e se e quanto queste tecniche possono essere paragonate all'ipnosi.

L'inizio

Colloco l'inizio di queste tecniche con l'ideazione da parte del Dr. Roger Callahan della Thought Field Therapy. Il Dr. Callahan, ino psicologo clinico, lavorava già da parecchi anni nel campo, quando si trovò a trattare una sua paziente, Mary, che aveva una fobia per l'acqua. La tecnica usata era quella classica per questi casi: la desensibilizzazione, che permette al soggetto di essere avvicinato in maniera graduale all'evento scatenante la fobia, senza provare i sintomi usuali.

Durante una seduta, Mary menzionò che quando guardava l'acqua, provava una sensazione di malessere allo stomaco (Il caso è riportato in internet e sul libro "Alternative Treatments for Fibromyalgia and Chronic Fatigue Syndrome" Di Mari Skelly, Helen Walker, Rich Carson, Dennis Schoen 2006). "Il Dr. Callahan sapeva che il meridiano corrispondente allo stomaco si trova appena sotto l'occhio, e chiese a Mary di picchiettare (tap) decisamente sotto entrambi gli occhi."

Questa manovra fu sufficiente perché la fobia verso l'acqua di Mary sparisse completamente nel giro di pochi minuti. Da quel momento in poi il dottor Callahan si dedicò a sviluppare la tecnica ed ad insegnarla ad altri. Oggi la TFT (Thought Field Therapy) è un marchio registrato, così come "Callahan Techniques", il marchio che protegge le tecniche ideate dal dottor Callahan. La TFT può avere un grande impatto nel sollievo della sofferenza umana, in aree come traumi, ansia, stress, fobie, eliminazione del vizio del fumo, nel giro di minuti, attraverso il bilanciamento delle energie del corpo.

In seguito

La tecnica, dalla sua nascita in poi, marchio registrato o meno, ha subito molte variazioni, ed è stata riscoperta molte altre volte. Callahan tiene molto a distinguere il suo lavoro da quello dei suoi imitatori, in particolare separa nettamente la TFT dalla ETF (Emotional Freedom Techniques - un'altro marchio registrato), dicendo che la TFT "non deve essere confusa con l'EFT che è basato sul lavoro di Roger Callahan".

La battaglia dei marchi ci riguarda poco, anche se non è male fare un po' di chiarezza per orientarsi meglio tra le varie tecniche.

L'EFT nasce per opera di Gary Craig (http://www.emofree.com), ed è una disciplina che combina, secondo il suo autore, due scienze : medicina mente-corpo e agopuntura. L'EFT è una versione dell'agopuntura effettuata senza aghi, i meridiani sonno stimolati da picchettamenti effettuati con la punta delle dita. Anche in questo caso il picchettamento contribuisce a riequilibrare l'energia dei meridiani. Sul sito di Gary Craig c'è molto materiale in proposito.

Dello stesso tenore la TAT (http://www.tatlife.com/resource/), " ... un buon modo di aiutare una persona a non rimanere bloccata "nella storia", prestando attenzione ai risultati desiderati ... ". la TAT utilizza i punti di agopressione e affermazioni positive.

Allo stesso tipo di trattamento appartiene la metodica BSFF (Be Set Free Fast), del Dr. Larry Phillip Nims. Anche la BSFF deriva dalla medicina tradizionale cinese, e accetta il concetto che il blocco nel libero fluire dell'energia dei meridiani sia la causa delle malattie. Il lavoro combinato della stimolazione dei meridiani con il lavoro emotivo e mentale risolve in maniera rapida e semplice molte problematiche psicologiche e fisiche. La BSFF combina il picchettamento dei punti meridiani con affermazioni positive: "Sto eliminando tutta la rabbia che è la causa dei miei problemi", ripetute durante il picchettamento. La procedura originale della BSFF si è evoluta nell'"instant BSFF", che non richiede nessun picchettamento e nemmeno la ripetizione di affermazioni, ma soltanto una parola convenzionale che rappresenta l'intero trattamento. L'instant BSFF elimina in modo profondo e radicale, molti problemi emotivi in brevissimo tempo.

Come si è visto nel paragrafo precedente, i trattamenti che prevedono picchettamenti sui meridiani si sono evoluti accoppiando prima la parola al picchettamento, e successivamente rinunciando al picchettamento per arrivare a una frase convenzionale da ripetere a se stessi. Se prima vi è venuto in mente Mesmer, adesso dovrebbe apparirvi l'immagine di Coué, il farmacista francese inventore delle affermazioni positive. La BSFF, almeno secondo il mio parere e nella sua forma istantanea, che comunque richiese la presenza di un esperto BSFF, richiama molto la metodologia di Coué. Il consiglio di utilizzare la BSFF quotidianamente su ogni sensazione negativa, è lo stesso che Coué consigliava di fare ai suoi clienti, proponendo la ripetizione di una frase in momenti precisi della giornata.

Funzionano?

Ogni tecnica ha fautori e detrattori, con i primi che giurano della bontà assoluta della tecnica in questione e i secondi che la mettono in discussione, spesso facendo riferimento a questioni marginali e di secondaria importanza.

Da un certo punto di vista, la domanda è impropria. TFT, TAT, EFT, etc. hanno sicuramente "funzionato" su un molte persone, altrimenti non ne parleremo. Sicuramente non funzionano su tutti, ma questa è un'affermazione scontata, perché non esiste nulla che funziona per tutto e tutti. Il problema più grande, condiviso con una certa parte della letteratura ipnotica, è che non esistono dati certi, quanto una vasta aneddotica, a cui possiamo dare più o meno fiducia. Non esiste nemmeno un riscontro anatomico per quanto riguarda i punti meridiani dell'agopuntura cinese, che sono alla base di tutti questi metodi.

Alcuni studi suggeriscono miglioramenti, ma le valutazioni del trattamento sono basate su risposte date dai soggetti stessi su questionari di autovalutazione, e quindi ben poco oggettive. Altri studi sono più scettici riguardo ai risultati, quindi la letteratura scientifica sull'argomento non ci aiuta a risolvere la questione in maniera definitiva.

La pratica di molti operatori sul campo, offre riscontri positivi, e forse vale la pena fare riferimento a questa più di ogni altra cosa.

Con l'ipnosi

Le tecniche che ho chiamato "psicologia energetica", non si esauriscono nella breve lista che ho presentato, e in futuro ne analizzeremo altre. Quello che voglio discutere è se queste possono sostituire, integrare o essere utilizzate insieme all'ipnosi.

La scelta di utilizzare queste tecniche al posto dell'ipnosi è libera, e dipende dalle preferenze individuali. Per quello che è stato detto nel paragrafo precedente, alcuni, o molti, ne trarranno sicuramente beneficio.

Picchettamenti o meno, il metodo è basato comunque sulla suggestione, ed ha quindi una forte componente ipnotica.

Integrare il metodo con l'ipnosi si può fare: io lo faccio quando penso sia il caso di utilizzare queste metodologie. Se L'EFT o tecniche analoghe, sono somministrate durante l'ipnosi, riescono a potenziare i loro effetti. Non c'è nemmeno bisogno di essere troppo precisi nei picchettamenti, perché quello che conta maggiormente è l'insieme della procedura, che finisce per diventare un rito, e le affermazioni personali, che diventano vere e proprie suggestioni somministrate durante lo stato ipnotico.