Pallacanestro, ipnosi e polli

0
26

Usa Today, nell'articolo "High school hoops coach told to stop hypnotizing team" , riporta un caso di utilizzo di ipnosi richiesto dall'allenatore della squadra locale. Alcuni dei genitori hanno acconsentito all'ipnosi, ritenendola del tutto innocua e alcuni dei ragazzi si sono dimostrati entusiasti all'idea. La questione si è risolta quando l'assemblea della scuola ha vietato di utilizzare l'ipnosi per la squadra.

Nell'articolo si nota come le posizioni nei confronti dell'ipnosi, che da tempo rientra nell'ambito di ricerca delle scienze umana, assomiglia molto da vicino ad una superstizione. A questo proposito il commento dello psicologo dello sport Scott Ward , dell'"University of Kansas", è illuminante. Non solo scoraggia del tutto l'utilizzo dell'ipnosi nello sport, ma dice: "Quando penso all'ipnotismo, penso a qualcuno che va a uno spettacolo ed è ipnotizzato per chiocciare come un pollo. L'ipnosi non è utilizzata nello sport per gli atleti di punta."

Il professore dimostra due cose con questo suo commento: la sua assoluta ignoranza sull'ipnosi, la sua assoluta ignoranza sull'ipnosi applicata nello sport.

Il campione di golf Tiger Woods ha usato l'ipnosi per migliorare le sue prestazioni, come sembra confermare questo estratto ripreso da "Golf Digest" (12/2002).

"L'abilità di Woods di produrre prestazioni eccezionali non ha precedenti. E all'età di 13 anni, Tiger cominciò un allenamento mentale con il Dr. Jay Brunza, uno psicologo amico di famiglia. Tra le altre tecniche utilizzate da Brunza c'era l'ipnosi. 'La pria volta che Jay ipnotizzò Tiger, gli immobilizzò il braccio e gli disse che non lo avrebbe potuto muovere.' dice il padre di Tiger. 'Ci provai, ma non riuscii [dice Tiger, (l'ipnosi)] è inerente a quello che faccio oggi"

Brunza e le sue metodiche di allenamento mentale, sono citate anche nella biografia di Tiger Woods: "Tiger Woods: a biography" Di Lawrence J. Londino.

Anche in Italia si usa l'ipnosi per migliorare le prestazioni sportive. Il Cesena calcio allenato da Marchioro, utilizzava il training autogeno. Il portiere (Boranga), utilizzava il cappellino come ancoraggio. Prima ancora che nel cesena Marchioro applicò le stesse metodiche a Como.

Alcuni studi:

"Hypnosis in sport: an Isomorphic Model"
Percept Mot Skills 1994

"Hypnosis, the brain, and sports: Salient Findings July 2002"
Int J Clin Exp Hypn 2002

"The hypnotic belay in alpine mountaineering: the use of self-hypnosis for the resolution of sports injuries and for performance
enhancement"
Am J Clin Hypn. 2003

"The use of relaxation, hypnosis, and imagery in sport psychiatry"
Clin Sports Med. 2005

A volte, prima di parlare, bisognerebbe accertarsi di sapere quello che si dice, documentarsi un minimo sull'argomento, oppure chiedere a chi ne sa qualcosa.