Cos'è la Programmazione Neuro Linguistica

0
27

Il termine Programmazione Neuro Linguistica (PNL) indica una disciplina costituita dagli studi di due scienziati, John Grinder e Richard Bandler.

Attraverso i loro studi sono stati capaci di identificare quelli che definirono i canali di accesso attraverso cui ogni essere umano decide, pensa, si orienta e apprende.
Anche se può sembrare strano, gli accessi sono molto semplici.

Sono tre in tutto:

  1. visivo, ovvero che si riferisce a immagini e colori
  2. auditivo, che si riferisce a suoni e rumori
  3. cinestesico, che utilizza gli altri sensi e si riferisce a sensazioni ed emozioni.

Chiunque usa una combinazione di questi tre canali, ma uno solo sarà quello privilegiato.

Quindi, ci sono persone che pensano per immagini e che per prima cosa vedono i ricordi. Altri avranno più facilità a immaginare e ricordare attraverso voci, rumori, musiche. Infine, c’è chi per prima cosa ricorda le emozioni o le sensazioni che le esperienze gli hanno lasciato. I tre tipi verranno quindi definiti come visivo (V), auditivo (A) e cinestesico (K, in inglese).

L’altra importante scoperta della PNL sta nell’aver scoperto una relazione tra i movimenti degli occhi e il canale d’accesso.

Lo schema divide per prima cosa tra lato destro e sinistro, rifacendosi alla teoria dei due lati del cervello. Questa teoria è risultata poco precisa, ma per comodità la PNL la usa come se fosse sempre corretta.

In virtù di ciò si può dividere il cervello in due parti: destra e sinistra.

  • La parte destra è fantasiosa, immagina, crea, prova sensazioni.
  • La parte sinistra ragiona, riflette, elabora i pensieri.

Quando gli occhi si spostano nella parte destra (la sinistra di chi osserva) sta immaginando, inventando, creando. In caso di risposta vero o falso, sta mentendo.

Quando si spostano nella parte sinistra (la destra di chi osserva) sta riflettendo, pensando, e cercando una soluzione. In caso di risposta vero o falso, sta dicendo la verità.
Infine, Bandler e Grinder hanno scoperto che i movimenti degli occhi hanno anche una particolare direzione, a seconda del tipo di canale utilizzato.

  1. Se si pensa a un’immagine ricordata, si guarderà in alto a sinistra (destra per chi osserva).
  2. Se si pensa a un’immagine creata, si guarderà in alto a destra (sinistra per chi osserva).
  3. Se si pensa a un dialogo o una musica ricordata, si guarderà a sinistra (destra per chi osserva).
  4. Se si pensa a un dialogo o musica immaginata, si guarderà a destra (sinistra per chi osserva).

Il canale cinestesico (le sensazioni) fa eccezione, in quanto ricordare o immaginare sensazioni ha lo stesso effetto sul cervello (ricordare di essere tristi o essere tristi è la stessa cosa).

Quindi, se si guarda in basso a destra si stanno provando o immaginando sensazioni

Se si guarda in basso a sinistra si sta riflettendo parlando con sé stessi (dialogo interno).